Food Cost ….. Aiuto!!

Eh sì queste parole ormai sono diventate l’argomento caldo del momento.
Un po’ in ritardo direi ma meglio tardi che mai.

In questo periodo di lock down e limitazioni, dove i guadagni sono diminuiti, vi siete trovati a dover fare i conti e vi siete accorti che non siete in grado di farli perché non conoscete i numeri della vostra attività.

Cominciate (finalmente) a rendervi conto che nei periodi di “vacche grasse”, mentre si guadagnava, avete sottovalutato alla grande la parte gestionale del vostro lavoro come la gestione fornitori, l’analisi dei costi (food e beverage) e le statistiche sul venduto e acquistato.

Ma adesso la situazione è diversa.

Con le perdite e il fatturato “rosicato” attuale dovete assolutamente sapere a quanto ammontano i vostri margini, altrimenti non sarete in grado di prevedere quando fallirete! 🙂

Pensarci prima no?

Vi siete quindi addentrati nel “marasma” di internet alla ricerca di istruzioni e software vari per realizzare il Food Cost delle vostre ricette, siete entrati ancora più in confusione perché nella mischia ci sono un’infinità di tuttologi che vogliono insegnarvi come si fa.

Quindi avete chiuso gli occhi, avete puntato il dito a caso e avete scelto il metodo da seguire!!
Sì? Buonanotte… è come giocare alla roulette Russa.

Il Food Cost non è solo un numero da calcolare.

Non basta sommare il costo degli ingredienti e moltiplicarlo per tre e nemmeno basta aggiungere manodopera e spese generali.

E’ una scienza!

Quel numero nasce, oltre che da un calcolo, da molteplici considerazioni che sono soggettive della vostra attività.
Voglio dire che per farlo in modo corretto, prima di fare 1+1=2, ci sono altre attività più importanti da svolgere.
Ed è questo che il “tuttologo di turno non vi dice e spiega. Perché non lo sa!

Ti piacerebbe realizzare correttamente il tuo Food Cost e iniziare ad avere sotto controllo i numeri della tua attività?